Design sostenibile: Goga Ashkenazi & Robbie Antonio


Situata in un palazzo milanese del XVII secolo in Via Bigli, la casa dell’imprenditrice kazaka e proprietaria del marchio di moda Vionnet, Goga Ashkenazi è un vero tesoro nascosto. Dopo aver attraversato una serie di piccoli corridoi, cortili e passaggi pittoreschi, incontro Goga nel suo immenso giardino di 1.000 metri quadrati. Nel giardino una piscina, diversi lettini eleganti, un tavolo esterno dove poter ospitare gli ospiti a pranzo o cena e una grande scultura di una lumaca rossa che punteggia l’elegante scena con eccentricità, suggerendo ciò che si troverà all’interno.

È stato proprio l’ampio giardino luminoso e arioso che ha istintivamente convinto Goga ad acquistare la proprietà, lo stesso istinto che nel 2012 l’ha portata ad acquisire la casa di moda francese Vionnet. Appassionata collezionista d’arte, imprenditrice e personalità mondana, Goga ha recentemente rivolto la sua attenzione all’ambiente, trasformando Vionnet in un marchio completamente sostenibile e costruendo la sua prima casa prefabbricata con Robbie Antonio, agente immobiliare filippino fondatore e CEO di Revolution Precrafted.

Il fronte della casa con la piscina in primo piano
(Photo © Brando Cimarosti)

“C’è un’energia molto speciale in questo posto”, dice Goga della sua casa. “Spero che questo si percepisca.” Ed effettivamente questa energia è presente in maniera marcata. La casa è come un gigantesco parco giochi, un luogo in cui rimanere sempre bambino e dedicarsi alla creatività.

Goga stava cercando casa a Milano da qualche tempo quando si è imbattuta in questo Palazzo. “Doveva essere perfetto – un posto dove poter trascorrere del tempo e che avesse un ambiente molto particolare”, dice. “L’estetica di un luogo influenza ciò su cui sto lavorando. Volevo creare una casa in cui ogni pezzo avrebbe significato qualcosa “.

Inizialmente, Goga ha contattato un designer di interni per aiutarla con la decorazione. Dopo aver collezionato numerosi pezzi d’arte e di design e aver maturato un’idea complessiva dello spazio ha poi deciso di procedere da sola. Amava l’equilibrio che l’edificio offriva tra la natura e la città. “Questa proprietà è l’unica con piscina e giardino nel centro di Milano”, dice raggiante. “Dai un’occhiata a Google Maps e lo vedrai! L’acqua è fondamentale per me. Appena ho visto la piscina e il giardino me ne sono innamorata e ho deciso che questa era la casa giusta per me”. Ha appena piovuto, ma l’acqua azzurra e brillante della piscina circondata da una vegetazione lussureggiante è molto invitante. È difficile credere che siamo nel bel mezzo di una vivace metropoli.

Uno scorcio del living con l’ampia finestra che comunica con il giardino (Photo © Brando Cimarosti)

Gli interni della casa sono altrettanto stravaganti ed esuberanti e riflettono il carattere di Goga. Il design è allo stesso tempo sofisticato e giocoso e immediatamente mi sento come se fossi entrata nella versione per adulti di una lussuosa sala giochi per bambini. “Ogni oggetto in questa casa ha un legame emotivo e personale con me”, afferma Goga. “Alcuni oggetti provengono da gallerie d’arte e di design e altri dai miei viaggi. Riflettono il mio gusto personale e anche il mio carattere. “

Alcuni pezzi di design provengono dai mercatini delle pulci mentre gran parte delle opere d’arte Goga le ha acquistate in fiere come Art Basel e Frieze. “Ogni singolo oggetto ha una sua valenza estetica”, afferma. “Certo, mi piace che gli oggetti nella mia casa abbiano un significato, ma devono anche essere visivamente stimolanti.” C’è la grande scultura con la testa di ippopotamo che sporge dal muro del soggiorno mentre davanti a me, nella sala, c’è un gigantesco divano Edra turchese di Francesco Binfaré che richiama il verde esterno. Un tappeto tessuto a mano in edizione limitata di Verner Panton e un tavolino in vetro commissionato da artigiani locali accentuano la scena così come i numerosi libri d’arte, design, architettura e sulla sostenibilità ambientale. Ci sono anche opere di Lucio Fontana ed Enrico Castellani per dare un contesto visivo e una prospettiva all’arte del XX secolo.

L’ingresso del living con la testa di ippopotamo e altri pezzi iconici della collezione di Goga
(Photo © Brando Cimarosti)

“Ho più di 700 opere d’arte e molte sono in magazzino”, dice Goga sorridendo. “L’ultimo pezzo che ho acquistato è generalmente quello a cui sono più legata.” Lei crede che sia la sinergia delle sue varie opere d’arte e mobili a creare un’energia speciale. “Sembrano tutti combaciare in modo fortuito”, dice. “Ogni pezzo è stato acquistato in un momento diverso della mia vita. Li ho posizionati dove pensavo avrebbero funzionato meglio. Non ho mai pensato prima a dove li avrei posizionati . ” Oltre alle opere di Fontana e Castellani, ci sono grandi dipinti espressionisti astratti e intriganti opere scultoree, tutte collocate con apparente nonchalance,
come fiori in un giardino, nel suo elegante palazzo milanese.

Come l’arredamento della sua casa, Goga è l’incarnazione del ‘non convenzionale’. Nel design della sua casa riecheggia il suo carattere esuberante, in cui è racchiusa la splendida sintesi che ha creato attraverso l’arte, il design, gli affari, la moda e ora l’ambiente. “La mia vita è molto intrecciata con l’arte, la moda e tutto ciò che è creativo”, sorride. Anche il suo background è eclettico. L’imprenditrice kazaka è anche la fondatrice e CEO di MunaiGaz Engineering Group, un gruppo kazako che offre servizi di ingegneria per le aziende dei settori oil & gas, petrolchimico, energetico e metallurgico. Vionnet, il suo marchio di moda, ha sede a Milano e Goga ha studiato al Somerville College di Oxford, dove si è laureata nel 2001 in storia moderna ed economia. Ancora studentessa, dopo aver acquisito Vionnet, ha trascorso un anno in Italia studiando moda, arte, design e lingua italiana.

Goga Ashnenazy ritratta davanti alla grande scala che porta al piano superiore indossa un abito della collezione Vionnet (Photo © Brando Cimarosti)

Come la sua casa, Goga unisce tutte le sue passioni in una. Non c’è molta distinzione – qualcosa che si percepisce immediatamente quando la conversazione salta da un genere artistico all’altro in modo vibrante e coinvolgente. “Fa tutto parte del processo creativo”, afferma Goga. “Tutto è connesso. Madeleine Vionnet, la stilista visionaria che ha ispirato il marchio, è stata definita dal mondo ‘l’architetto della moda’ “. E come Vionnet, Goga crede nell’interdisciplinarità. “Tutto ti aiuta nel tuo viaggio creativo”, sorride. “Quando hai una mente che può portarti oltre e sempre immagini cose nella tua testa – questo è un segno di una mente creativa – si tratta solo di scegliere quale idea realizzare.”

L’acquisizione di Vionnet quasi otto anni fa è stata un passo enorme e Goga ammette di aver sentito la pressione di dover essere all’altezza del creatore del marchio. “Riesci a immaginare? Una ragazza ricca kazaka venuta per giocare alla moda che decide di acquistare una maison francese?! ” esclama. “Il mondo della moda mi aveva accolto ironicamente, ‘Sì, benvenuta!’ All’inizio è stata dura. Adesso in molti si sono resi conto che sono qui per restare “. La moda si adatta perfettamente alla personalità di Goga. La sua silhouette minuta sembra danzare nelle collezioni Vionnet e negli abiti che indossa: il loro stile tagliente ma elegante combinato con tagli e materiali eclettici riflette il carattere unico di Goga.

Lo stile è chiaramente una forma d’arte per Goga. “Per Vionnet c’è sempre una musa che conservo nella mia testa”, dice. “Il marchio non è solo apparenza. È una donna a cui piace vestirsi e che si distingue, ma non in modo ovvio. Gli abiti che questa donna indossa devono riflettere l’eleganza e lo stile naturali “. Come a casa propria, per Goga è fondamentale che il modo di vestire di una donna rifletta il suo carattere. “In Vionnet ci piace creare pezzi senza tempo. Vogliamo essere rivoluzionari nei nostri progetti e anche nel nostro approccio “. Goga e il suo team hanno come obbiettivo che il marchio sia in prima linea nella moda sostenibile. “La parola” sostenibile “finora non è stata definita correttamente”, dice, spiegando come intende delinearla correttamente. La discussione prosegue da un argomento all’altro, con una vibrante dose di intellettualismo. Il palazzo milanese, come la sua proprietaria, è simile a un personaggio immaginario, una donna a cui vorremmo aspirare. “Vionnet è quella donna che vedi in mezzo alla folla che si distingue e di cui vuoi subito saperne di più”, afferma. Le sue opere d’arte, pezzi di design stravaganti ed eleganti si raccolgono intorno a noi come se fossero una folla di spettatori. La stanza dei giochi del bambino ha preso vita. Goga è quella donna in mezzo alla folla. Lei è Vionnet.

HarpersBazaarArabia.com July/August 2019

Photography by BRANDO CIMAROSTI
Words by REBECCA ANNE PROCTOR


0
Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.